Nomi: Viktor Lee ed Escalofrìo Capitan Futuro – Frederick
Data di nascita: 25/07/2016 Vicktor Lee e 19/09/2017 Escalofrìo Capitan Futuro
Compagni di vita: Christian & Christian, Vogue il gattone di casa


Perchè hai scelto il bouledogue francese?

Io sono nato e cresciuto tra gli animali, per cui il cane è sempre stato un punto di riferimento per me; il mio primo era un Boxer, nato in famiglia, che ho chiamato One, inutile dire il legame che c’era tra di noi ed è proprio da li che nasce la mia passione per i molossoidi.
Una volta uscito da casa dei miei genitori ed iniziato la mia vita da adulto, appena sono riuscito a creare le condizioni per poter accogliere in casa un cane , ci siamo subito orientati sul bouledogue francese per le sue ridotte dimensioni, adatte all’appartamento, il suo carattere, la sua gioiosità ed, ovviamente, il fatto di essere un piccolo molosso!!!!

Bouledogue francese al mare
Escalofrìo Capitan Futuro e Vicktor Lee al mare

Sulla base di che parametri hai scelto l’allevamento di riferimento? Che consigli ti senti di dare ai nostri lettori?

Alla base delle scelte che abbiamo fatto, seppur diverse, nella scelta dei nostri bulli, c’è sicuramente la presenza di pedigree ENCI-FCI, degli esami clinici specifici richiesti per la razza, la cura e la gestione delle madri e delle cucciolate.
Mentre la prima scelta è stata fatta più col cuore, anche perché la nostra conoscenza della razza era abbastanza limitata, la seconda è stata più ponderata, cercando tra gli allevamenti riconosciuti, quello che presentava, nei suoi soggetti, le caratteristiche morfologiche che più ci avevano colpito nei bouledogue francese.
Il consiglio che posso dare è quello di studiare la razza molto bene, andare in Expo a vedere più soggetti possibili e poi iniziare contattare gli allevamenti, seri e riconosciuti, in modo da essere preparati a porre le domande giuste per poter fare la scelta più giusta possibile.

Viktor Lee ed Escalofrìo Capitan Futuro. La prima volta che li hai visti?

La prima volta che abbiamo visto Viktor Lee aveva poche settimane di vita, era uno scricciolo, (ovviamente con tutte le cautele del caso) non c’è voluto molto a decidere che sarebbe stato il nostro bouledogue francese!!!
Da quella volta ,siamo ritornati spesso a vedere come cresceva, abbiamo scelto il nome, lo abbiamo visto felice insieme ai fratelli e alle sorelle, eravamo molto presenti.
Per Ecalofrìo Capitan Futuro è stato un po’ diverso, in quanto lo abbiamo conosciuto solamente dopo che i cuccioli avevano effettuato la prima vaccinazione, nel frattempo Barbara Miccoli dell’Escalofrìo Kennel ci tempestava di foto e video quasi giornalmente, devo dire che si è creato subito un ottimo rapporto che ormai definirei amicizia, auguro a tutti di creare un rapporto di stima e fiducia tra allevatore e cliente come il nostro.
La scelta è ricaduta su di lui per via della struttura che presentava alla nascita e per le pezzature fantastiche, soprattutto quella coscia nera che è bellissima!!!

Crocchette bouledogue francese
Escalofrìo Capitan Futuro dimostra tutto il suo affetto al sacco delle crocchette

Avere un bouledogue francese può essere impegnativo, due ancora di più, come ti sei organizzato per gestirli al meglio? A cosa hai dovuto “rinunciare”?

Dipende cosa si intende per impegnativo, accudire qualsiasi cane, comporta alcune modifiche alle proprie abitudini, certo bisogna essere preparati sulla razza per comportarsi al meglio, si devono conoscere le problematiche che si possono presentare e cercare di evitare che queste accadano.
Sinceramente non c’è molta differenza tra avere uno o due bouledogue, le uscite spesso avvengono in contemporanea (Mia e Dante invece hanno due ritmi piuttosto diversi… Ndr), bisogna stare un po’ più attenti quando giocano liberi all’aperto, in casa dormono insieme, mangiano insieme, giocano insieme!!!
Le rinunce, non sono delle vere rinunce, per me, è semplicemente il portare avanti una scelta che si è deciso di fare, abbiamo preso un impegno verso di loro e loro contano su di noi; se vogliamo andare via per qualche giorno, o vengono con noi oppure , i miei genitori, sono ben felici di occuparsene, sono stati abituati a stare da soli in casa, ed ora che sono in due, sicuramente Viktor Lee è molto più contento, quando accade!

Bouledogue francese Expo
Vicktor Lee in posa durante una Expo

Come ha preso Viktor Lee l’arrivo di Capitan Futuro? E il gatto che ne pensa?

L’arrivo di Ecalofrìo Capitan Futuro è stato preso estremamente bene da parte di Viktor Lee, appena siamo rientrati a casa ,sono entrati nella cuccia tutti e due e Viktor ha come abbracciato Capitan Futuro, come per dire “ ti proteggo io”.
Infatti il piccolo Capitan Futuro stravede per il suo “fratellone”, va subito in agitazione quando non lo vede e se, per qualsiasi motivo anche durante una passeggiata , si distanziano di poche decine di metri, il ricongiungimento è “da lacrime agli occhi” per quanto è affettuoso.
Noi abbiamo cercato ,fin da subito, di non trascurare assolutamente Viktor Lee, anzi, probabilmente anche il suo splendido carattere, gli ha permesso d’accettare il nuovo arrivato senza alcun problema!!
Per quanto riguarda il gatto, beh, diciamo che lui si è ritagliato il suo piccolo mondo, in modo che nessuno lo possa disturbare ma non ha nessun problema ad interagire con i due bulletti, a volte giocano e lui è la “vittima”… ma solo quando vuole lui.

bouledogue francese e gatto
Il bouledogue francese Victor Lee insieme a Vogue il gatto di casa

Questa razza è ormai parecchio inflazionata li vedi in tv, riviste, etc. A tuo avviso è un bene per la razza?

E’ un male assoluto, secondo me, ormai il bouledogue francese è diventato un po’ l’accessorio che bisogna avere ad ogni costo, solo che si sta parlando di una essere vivente!!! Ogni giorno si vedono annunci, post, di cuccioli in vendita , senza alcuna selezione, senza alcun test clinico, senza alcuna morale, ormai basta avere una bulletta ed ecco che qualcuno pensa di poter sfruttare il business; sfruttare è la parola giusta perché è cosi che si comportano certi individui, troppi purtroppo.
Nei TG e sui giornali, sempre più spesso ci sono notizie di sequestri di cuccioli provenienti
dall’Estero, senza documenti, con vaccinazioni fasulle, malati o in fin di vita o purtroppo morti e sempre ci sono dei bouledogue francesi o più correttamente simil-bouledogue francesi.

Con Escalofrìo Capitan Futuro avete iniziato il percorso delle Expo, perché sono importanti questi eventi?

Non essendo un allevatore ma solo un appassionato della razza, mi sono avvicinato , inizialmente, per curiosità , già con Viktor Lee, anche per poter affrontare insieme un’esperienza, non essendo una razza che ti permette di fare attività troppo spinte, come l’agility dog,il disk dog,ecc.
Devo dire che mi sono appassionato molto, vedere il proprio cane che ti segue che ripete ciò che avete preparato a casa, magari la sera quando ritorni da lavoro, è una gran bella soddisfazione, indipendentemente dai risultati.
Con il tempo ho cercato di approfondire tutto ciò che riguardava l’educazione del cane, l’obbedience, l’handling, e quindi con Capitan Futuro, grazie anche alla presenza ed ai preziosi consigli di Barbara Miccoli e di tutto l’Escalofrìo Kennel, sono partito un po’ più consapevole di quello che stavo facendo.
Per gli allevatori è molto importante parteciparvi, perché è li che il loro lavoro/passione viene giudicato, li possono migliorarsi, li possono aumentare la loro capacità di tutelare la razza.

Bouledogue francese expo
Escalofrìo Capitan Futuro in posa curante una Expo

Come stai educando Viktor Lee ed Escalofrìo Capitan Futuro?

Il lavoro di educazione che facciamo è giornaliero, cerchiamo di insegnare a loro a comportarsi nel miglior modo possibile, dal semplice “a tavola niente cibo” al più importante richiamo quando sono liberi all’aperto; questa educazione di base ci permette, per esempio, di andare a cenare in un ristorante senza alcun problema, perché sanno stare al loro posto senza disturbare gli altri commensali, oppure, non abbiamo grossi problemi quando incontriamo altri cani durante le passeggiate; educare i propri cani permette sia a noi che a loro di vivere molto più serenamente.

Tramonto in spiaggia per Escalofrìo Capitan Futuro
Tramonto in spiaggia per Escalofrìo Capitan Futuro

Viktor Lee ed Escalofrìo Capitan Futuro. Cosa proprio non sopportano?

Viktor Lee non sopporta quando è il momento del bagno e dell’asciugatura con il phon.
Escalofrìo Capitan Futuro invece è molto infastidito dal vento, inizia a ruotare su se stesso, mi sa che è capitato male a Genova ahahah!!!

Perchè il bouledogue francese è cosi speciale?

Credo che la miglior risposta a questa domanda sia quello che una signora anziana, che non conosceva la razza, ci disse guardando Viktor Lee sulla metropolitana di Genova:
“Mah, questo cane ha gli occhi come quelli di un bambino”!!!!!
Ecco è la loro innata dolcezza che li rende cosi speciali.

Vicktor Lee protegge il fratellino Capitan Futuro con un tenero abbraccio...
Vicktor Lee protegge il fratellino Capitan Futuro con un tenero abbraccio…

Cosa consigli a chi si avvicina a questa razza? Pensi sia una razza per tutti?

Il mio primo consiglio è quello di studiare, approfondire, conoscere tutto il possibile sulla razza, poi di affidarsi ad allevatori seri, competenti che seguano le persone anche dopo aver consegnato il cucciolo, pretendere gli esami dei genitori, allevamenti riconosciuti ENCI-FCI e consegna del pedigree; una volta che il cucciolo è a casa bisogna semplicemente dedicarsi a lui/lei.
E’ una razza per tutti??? solo se questi tutti sono consapevoli che avranno a che fare con una vita che dipende da loro, come ogni razza, ma con il bouledogue francese dovranno prestare più attenzione, per esempio, se amano stare al mare tutto il giorno e non vogliono rinunciarvi, beh, il bouledogue francese non va bene, se invece si adatteranno alle esigenze del proprio bulletto, allora saranno le persone più felici del mondo, perché un bouledogue francese ti riempie la vita ed il cuore… due bouledogue francesi ancora di più!!!

Altri argomenti che potrebbero interessarti




Intervista a Barbara Miccoli di Escalofrìo Kennel

Bouledogue Francese e colpo di calore, ecco alcuni consigli essenziali

Recinto per cani da interno e trasportino. I nostri consigli.

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa gli serve davvero? La nostra Guida

Se vuoi metterti in contatto con noi o raccontarci la tua storia scrivi a info@findthefrenchie.com oppure unisciti alla nostra pagina Facebook.

Find The Frenchie!