Abbiamo intervistato Mario di Casa Tecchio e Eleonora che ci hanno raccontato la loro vita insieme. Una grande e variegata famiglia!

Nome: Mario Benito Di Casa Tecchio
Allevamento: Casa Tecchio – Urbana (PD)
Data di nascita: 03/07/16
Compagni di vita: Eleonora e la sua splendida famiglia (compresi due coniglietti)

Il bouledogue francese Mario di Casa Tecchio
Il bouledogue francese Mario di Casa Tecchio

Eleonora, perché un Bouledogue Francese?

Mio marito è da sempre stato affascinato dai molossi, il suo primo cane è stato un boxer, poi ha scoperto i Bouledogue il musetto adorabile e le inconfondibili orecchione sono state sicuramente uno dei fattori scatenanti al fattore “simpatia”.

La prima volta che hai visto un bouledogue francese

La prima volta che abbiamo visto un bouledogue è stato con il famoso Manny the Frenchie anni fa. Avendo due bambine piccole abbiamo preferito attendere che diventassero un po’ più grandi prima di decidere di allargare la famiglia. Nel frattempo abbiamo iniziato a documentarci, lo scorso anno abbiamo visitato l’allevamento “Casa Tecchio” ad Urbana (PD) ed abbiamo incontrato la bravissima Jackeline che ci ha dato molte ulteriori informazioni e consigli… poi ci ha fatto vedere Mario che dopo un mese dal nostro incontro è diventato membro ufficiale della famiglia (abbiamo ovviamente dovuto attendere la fine dello svezzamento).



Cosa consiglieresti a chi si avvicina alla razza bouledogue francese?

Il consiglio che posso dare a chi vorrebbe prendere un Frenchie è quello di informarsi il più possibile sulla razza e sulle problematiche di salute che (facciamo gli scongiuri) può avere, scegliete un buon allevamento che vi faccia vedere i genitori, esigete il pedigree (non morde!), assicuratevi che il vostro allevatore faccia controlli base al cucciolo come ad esempio l’ecografia al cuore.

Siate disposti e consapevoli che per avere un buon esemplate si deve spendere un minimo 1500 € perché, anche siamo tutti d’accordo che pedigree non è sinonimo al 100% di buona salute assicurata a vita, ma sicuramente partiamo da una buona base genetica. Spendere 500 € per poi pagarne 2000 in veterinario non è sicuramente piacevole.

I bouledogue essendo brachicefali soffrono il caldo e sono soggetti a pericolosissimi colpi di calore, molto più che altre razze, soffrono la solitudine. Portarli in spiaggia o a passeggio con 40° alle 13 non è una buona idea…purtroppo ne ho visti. Soffrono molto la solitudine, quindi, se non potete stare con loro per molte ore durante la giornata
pensateci! Trattateli come trattereste un neonato “umano” e tutto andrà per il meglio.

Il bouledogue francese Mario e una delle sue sorelline umane
Il bouledogue francese Mario e una delle sue sorelline umane

Scherzi a parte, scegliete consapevolmente, indipendentemente dalla razza. I Frenchie sono una razza che da tanto amore e simpatia, adorano i bambini, e avendo già due bambine “umane” posso confermarlo al 100%, ma sono moooolto delicati.

La giornata tipo di Mario

Mario si alza intorno alle 6, esce con noi per la passeggiata mattutina ed accompagna le sue sorelle umane a scuola, dopodiché pisolino obbligatorio, pappa e uscita velocissima a pranzo, passeggiatina pomeridiana per accompagnare le bambine ai loro vari appuntamenti, di nuovo pappa, passeggiata veloce e nanna.
Ora che è estate la passeggiata pomeridiana è in stand by ed è stata spostata ed unificata con quella della sera, per ovvi motivi di clima.

In sintesi: dormo – mangio – esco – mangio – dormo – esco – mangio – esco – dormo… una vitaccia.

Cosa gli piace fare?

In assoluto giocare con la pallina poi, dormire con noi, mendicare qualsiasi cibo che non può mangiare e incontrare altri cagnolini.

Come stai educando il tuo bouledogue francese?

Stiamo facendo un corso di educazione base, poi vado molto a buon senso e lo tratto esattamente come le mie figlie.

Cosa proprio non sopporta?

L’aspirapolvere è un nemico temibile ma mai quanto i cancelletti, quelli sono il male assoluto e devono essere sterminati a furia di temibilissimi abbai di Frenchie.

Il bouledogue francese Mario di Casa Tecchio mentre fa un meritato riposo.
Il bouledogue francese Mario di Casa Tecchio mentre fa un meritato riposo.

Cosa dai da mangiare al tuo bouledogue francese?

Ci troviamo bene con le crocchette al salmone di Monge. Le apprezza e non gli danno problemi di stomaco.

Il gioco preferito da Mario di Casa Tecchio

Il suo gioco preferito: al 10000% la palla di qualsiasi dimensione basta che sia una palla.

Dicci perché il tuo bouledogue francese Mario è così speciale

Per me il mio Mario è speciale per il modo in cui ti guarda, per la sua curiosità di scoprire il mondo spesso non rendendosi conto di mettersi in pericolo; è speciale quando cerca di farti capire le cose (e tu fai finta di non capire) e si arrabbia. È speciale per la sua testardaggine, per farti cedere allo sfinimento, per la sua andatura buffa ma imperiosa, per la sua fisicità condensata in 13 kg. La sua esuberanza e simpatia, per le bullo puzzette che molla nei momenti meno opportuni (es. nei negozi ha ha). Prima di averlo mi veniva da ridere sentendo che un cane poteva essere come un figlio, ma mi sono dovuta ricredere.

Grazie per lo spazio amici di FIND THE FRENCHIE, una super leccatina a Mia e Dante da parte di Mario.

Mario convive oltre che con le sorelline umane, con due pelosissimi coniglietti fin da quando era cucciolo
Mario convive oltre che con le sorelline umane, con due pelosissimi coniglietti fin da quando era cucciolo

Altri argomenti che potrebbero interessarti



Il Pedigree del Bouledogue Francese. La guida.

La verdura che il tuo bouledogue francese può mangiare

Il bouledogue francese può mangiare la frutta?

Se non hai trovato quello che cerchi o se vuoi metterti in contatto con noi scrivi a info@findthefrenchie.com oppure unisciti alla nostra pagina Facebook.

Find The Frenchie!