L’hot spot è un’infezione batterica della cute del cane.

L’hot spot è anche chiamato “eczema umido” o “dermatite piotraumatica” o “dermatite acuta umida”: una reazione cutanea improvvisa del cane in cui la cute ‘spurga’ continuamente del siero, la lesione si allarga rapidamente e purtroppo è dolorosa. Inoltre, spesso è accompagnata da ponfi rossi. Noi abbiamo sentito pronunciare per la prima volta il termine hot spot dal nostro veterinario, dopo aver visitato il collo di Dante. In questo articolo condividiamo la nostra esperienza.

Hot Spot di Dante

Quanto abbiamo visto comparire sul collo di Dante una chiazza di pelo umida e rossastra, abbiamo pensato si fosse ferito in passeggiata tra gli arbusti. Lo abbiamo subito disinfettato con lo spray alla clorexidina. Sembrava tutto risolto. Invece, poco dopo, il pelo ha iniziato a mostrare di nuovo pelo rossastro e umido. Allora abbiamo scattato una foto e l’abbiamo inviata al nostro veterinario per chiedere un suo parere. Così abbiamo letto per la prima volta il termine hot spot. E siamo andati nel suo ambulatorio perché non bisogna aspettare con l’hot spot, devi andare subitissimo dal veterinario.

Ad una prima occhiata: pelo rosso e umido
Ad una prima occhiata: pelo rosso e umido, al tatto umidiccio. Sembra una cosa banale, invece l’infezione lavora sotto il manto.

Cosa scatena l’hot spot?

Quest’anno sono capitati due episodi di hot spot a Dante e, secondo il veterinario, la causa scatenante è la puntura di un insetto. Ma quale? Una puntura di zanzara? Di vespa? O di tafano? Non si sa.

Le combinazioni di:

  • puntura di insetto (zanzara, vespa, tafano…)
  • il pelo folto sul collo che non permette una buona ventilazione del mantello quindi clima caldo umido

hanno scatenato in Dante l’hot spot, una reazione batterica che produce subito un forte calore della cute.

Hot Spot cane Bouledogue - taglio del pelo
Hot Spot in tutta la sua drammatica evidenza dopo la rasatura del pelo.

Come si presenta un hot spot?

Abbiamo appena descritto l’hot spot da una occhiata esterna. Ma l’hot spot lavora sotto il pelo e qui iniziano le brutte sorprese. Solo dopo che il veterinario ha rasato il pelo del collo di Dante, abbiamo capito l’entità dell’infezione, come agisce e come si sviluppa velocissima sotto il mantello. È tremenda!!! L’insorgenza è sempre acuta, bastano davvero poche ore perché si manifesti. La lesione si presenta tipicamente rossa, circoscritta da siero (simile ad una bolla), con ponfi rossi.  Di conseguenza, Dante ha avvertito un tale malessere  – misto a prurito – che ha iniziato a grattarsi per cercare sollievo. In questo modo la situazione è peggiorata: Dante si è procurato delle ulteriori ferite che hanno sanguinato (da qui il pelo rossastro).

Hot Spot del cane e ponfi sul mantello del Bouledogue
Hot Spot del cane: dopo la rasatura si scoprono anche ponfi rossi e cute infiammata.

Qual è la terapia?

La terapia locale è di primaria importanza. Bisogna andare con urgenza dal veterinario che toserà, pulirà e disinfetterà l’area colpita da hot spot. Seguirà terapia sistematica a base di antibiotici, collare elisabettiano perché il cane non si deve assolutamente mordere o leccare, pulizia quotidiana della ferita e integratori che possano aiutare a rafforzare la barriera cutanea del tuo cane.

La ferita non va assolutamente coperta con garza perché deve asciugarsi. Qui sotto i prodotti consigliati dal veterinario e che stiamo utilizzando:

Hot Spot - ferita che si asciuga
La ferita sul collo di Dante si sta asciugando grazie agli antibiotici e all’aria. La cute respira ed è fondamentale.
Hot Spot Bouledogue - convalescenza - lenta ricrescita del pelo del cane
Hot Spot Bouledogue – convalescenza – lenta ricrescita del pelo del cane a distanza di 1 mese dall’hot spot. Ci vuole tanta pazienza e amorevoli cure.

Come si può prevenire l’hot spot?

Per prima cosa eviteremo di passeggiare in aperta campagna e per le gite fuori porta ci attrezzeremo con dei repellenti naturali per animali. Ci stiamo orientando sull’acquisto dei seguenti repellenti contro gli insetti creati appositamente per i cani (vedi box sotto).

Nel frattempo Dante sta migliorando di giorno in giorno, la ferita si sta asciugando e restringendo. Per la guarigione completa della ferita ci vorrà almeno un mese.  Per la ricrescita completa del pelo ci vorranno almeno 4 mesi. Purtroppo ci vuole pazienza e tante coccole per Dante!

Scritto con il cuore perché provato.

Altri argomenti che potrebbero interessarti

La dermatite atopica nel Bouledogue Francese

Seminario ENCI sulle cardiopatie del cane

Ulcera oculare del cane. La nostra esperienza

Filaria del cane. Perché è importante fare la prevenzione?

Purificatore d’Aria. La nostra recensione

Se vuoi sapere le ultime novità sul Bouledogue Francese e non perderti i nostri articoli iscriviti subito alla nostra newsletter. È gratuita!

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!