Le allergie stagionali del cane sono dietro l’angolo. Gli sbalzi termici caldo-freddo di questi ultimi giorni stanno mettendo in difficoltà i nostri bulli e appena le temperature si alzeranno sarà un fiorire di pollini ed insetti. Cosa fare quindi? Noi abbiamo già messo sù il collarino repellente naturale della Beaphar. Gli oli essenziali vegetali presenti nel collarino ci mettono 5-7 giorni ad essere assorbiti dalla cute e manto dell’animale. Pertanto, quando smetterà di piovere e le temperature si alzeranno, potremmo fare le nostre lunghe passeggiate in sicurezza.

In primavera inoltrata, prima di uscire, ti consigliamo di passare con una salvietta all’olio di neem il pancino e zampe. Oppure, se il tuo bouledogue francese apprezza, una spruzzata di olio di neem per animali domestici.

Che cosa sono le allergie stagionali?

L’allergia è la modalità con cui il sistema immunitario reagisce ad uno stimolo esterno (allergene), in grado di scatenare una reazione più o meno intensa, ed è molto diffusa negli animali domestici. Come avrai capito, è importante individuare i sintomi delle allergie stagionali e trovare soluzioni efficaci e possibilmente durature per la salute del tuo Bouledogue Francese. Tuttavia, se per gli umani esistono dei test per identificare potenziali allergie, per gli animali l’analisi delle informazioni è lunga e dispendiosa. Si va per tentativi ed esclusione.

Allergie stagionali del cane. Mia prende il sole in sicurezza.
Mia si rilassa sotto il tiepido sole di primavera

Da cosa dipendono le allergie stagionali del cane?

Le principali cause sono da attribuirsi ai pollini, che rappresentano una insidia non solo per le passeggiate all’aperto, ma anche in casa. I pollini, infatti sono presenti nell’aria e si diffondono anche negli ambienti domestici.

Allergie stagionali del cane. Bouledogue Francese prendono il sole
Dante e Mia prendono il primo sole in terrazza

Generalmente la risposta più comune alle allergie stagionali è il prurito. Quest’ultimo ha come conseguenza il grattamento. Ma uno sfregamento eccessivo delle zone irritate può portare a conseguenze ben più spiacevoli, come lesioni cutanee, che si infettano e faticano a rimarginarsi. Per tanto, in caso di sintomatologia conclamata ed evidente fastidio da parte del tuo Bouledogue, è utile rivolgersi al proprio veterinario di fiducia, che saprà identificare il problema e prescriverti il trattamento adeguato.

Pulci e Zecche si combattono anche naturalmente

Un secondo tipo di allergene, particolarmente diffuso durante la bella stagione, è rappresentato da piccoli parassiti come pulci e zecche, contro i quali gli antiparassitari si rivelano un’arma efficace. Insieme al tuo veterinario valuta le soluzioni più adatte per il tuo Bouledogue Francese. Per avere un’idea di cosa offre il mercato naviga la nostra vetrina di antiparassitari.

Quali sono i sintomi delle reazione allergiche nel Bouledogue Francese?

Nel cane le reazioni allergiche possono manifestarsi in vari modi. Nel Bouledogue Francese sono comuni il prurito (specie vicino alle orecchie, zampe, occhi e bocca), la cute arrossata, la perdita di pelo, il manto spento, forfora, difficoltà respiratorie, a volte anche occhi gonfi. Può trarre in inganno un generale senso di stanchezza perché il Bouledogue ama ronfacchiare. Presta molta attenzione se il tuo Bouleodogue non ha fame e l’inappetenza si protrae per più di 3 giorni.

Imparare a riconoscere i sintomi di un’allergia e rafforzare le difese cutanee del proprio bullo è altrettanto fondamentale perché un cane allergico infatti, rimarranno tali per tutta la vita. Trovare delle soluzioni che siano in grado di calmare prurito e arrossamenti diventa quindi prioritario per garantire loro una buona qualità della vita.

Il caso di dermatite atopica stagionale di Dante e Mia

Dante e Mia hanno seguito un iter lungo per individuare la dermatite atopica stagionale e solo dopo due anni, con la scoperta dell’ipotiroidismo e il conseguente cambio di alimentazione da industriale a casalinga, abbiamo notato dei grandi miglioramenti al manto, alle zampe e ai cuscinetti martoriati da leccamento e prurito. Dante e Mia hanno quindi una storia clinica a sé, manti delicati e da un anno e mezzo seguono una dieta priva di cereali e componenti industriali. L’anno scorso l’antiparassitario Nexgarda Spectra fu deleterio per Mia. Si scatenò un violento hot-spot che ci spaventò tantissimo. Per questo motivo seguiamo una strada di protezione con prodotti naturali.

Find the Frenchie!
Scritto perché provato

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Antiparassitari per Bouledogue Francese. Prodotti, indicazioni e consigli pratici

Perdita pelo del Bouledogue? Le nostre risposte da leggere subito

Guanti in gomma per cani che perdono il pelo. Recensione

Hot Spot da puntura di insetto. La nostra esperienza

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!