Poco tempo fa abbiamo scritto un articolo dedicato alle principali differenze tra Bouledogue Francese e Boston Terrier. Visto il seguito che ha avuto l’articolo – e che anzi, continua ad esser letto e commentato dagli utenti – abbiamo pensato di dare la parola a chi ha un Boston Terrier. Par condicio su Find the Frenchie! Di seguito potrete leggere le testimonianze di chi lo ha scelto come peloso e come compagno di vita. Un grazie speciale a Claudia che ha chiarito alcuni punti importanti sulle caratteristiche della razza e un grazie sincero alle persone del gruppo Facebook Boston Terrier  Gruppo semiserio riservato a’ loro Maggiordomi e Camerieri/e che hanno accettato di rispondere alle nostre domande. Grazie a Rino che ha concesso le immagini a corredo dell’intervista!



Boston Terrier: occhio al prezzo

Claudia: Diffidare da proposte di prezzo al di sotto di €1500, è probabile che siano proposte di cagnari. Possono essere prese in considerazione proposte di prezzo di allevatori coscienziosi che propongono Boston Terrier in regola dal punto di vista sanitario e regolare pedigree, ma con variazioni rispetto alla standard di razza. In questo caso il prezzo può essere di circa €900.

Rino: Il costo di un Boston Terrier dovrebbe variare da 1500 a 2500 euro. Un esemplare ben selezionato (con genitori testati per le patologie di razza: quanto meno per lussazione della rotula ed oculopatie (cataratta giovanile soprattutto) dovrebbe entrare nello studio del veterinario per le vaccinazioni e per patologie curabili (infezioni). 

Boston Terrier e Bouledogue Francese. La bellissima coppia di cani di Rino Bruno
Boston Terrier e Bouledogue Francese. La bellissima coppia di cani di Rino Bruno

Come ti sei appassionato alla razza Boston Terrier?

Serena: Prima di Brando avevamo un boxer e cercavamo un molosso di dimensioni più contenute, ma con lo stesso carattere gioioso, vitale e attivo.

Alessandra: Ho sempre avuto molossi, prima un boxer e poi un rottweiler. Ho conosciuto il Boston Terrier grazie ad un canale tematico su Sky, tanti anni fa e me ne sono subito innamorata.

Roberta: Ho scelto il Boston Terrier perché avendo 5 figli, volevo una razza che non abbaiasse troppo, che non fosse “schizzata”, che fosse intelligente, che fosse di piccola taglia da poter portare da per tutto e che poteva fare i suoi bisogni nella lettiera in casa in caso di temporale. Comunque non cambierò più. W i Boston Terrier

Rino: Sin dall’infanzia desideravo avere un cane e specificatamente un bulldog inglese, ma i miei genitori non mi permettevano di tenerne uno. Nel 2012 si sono create le condizioni per poter dedicare tempo ed attenzioni ad un bulldog inglese. Leggendo libri ed articoli vari, mi sono però reso conto che forse non sarebbe stato il cane ideale per il mio stile di vita e che questa razza poteva risultare molto delicata a livello di salute. La mia attenzione si è quindi rivolta a due piccoli molossoidi: il Bouledogue francese ed il Boston terrier.

Quale è stato il tuo iter per la scelta dell’allevamento?

Serena: Abbiamo cercato vari allevamenti su internet e parlato con i proprietari. Alla fine ci siamo affidati a quello che ci ha ispirato più fiducia e ha risposto a tutti i nostri dubbi e domande.

Alessandra: ho cercato allevamenti vicini a casa.

Rino:Cercando allevamenti di entrambe le razze Bouledogue francese e Boston terrier, ho visto che per quanto riguarda i Boston terrier, in Sicilia, esistono ben due allevamenti riconosciuti ENCI. La mia attenzione si è focalizzata sull’allevamento Di Nobile Morgana, di Francesca Romana Greco, che ho incontrato ad una expo in Sicilia e che aveva disponibile un maschietto. Pertanto sono andato ad Oliveri (ME) per visitare il suo allevamento e per visionare cucciolo e genitori. Costantino di Nobile Morgana (poi ribattezzato Aaron) ha letteralmente conquistato me e la mia compagna, riempiendoci di leccate con una vivacità fuori dal comune per un cucciolo di due mesi. Da segnalare che qualche giorno prima avevo visionato una bellissima cucciolata di Bouledogue francesi, presso un allevamento amatoriale a pochi chilometri da Palermo, ma era il momento di fare una scelta e dopo un testa a testa sofferto, abbiamo scelto Aaron (o meglio lui ha scelto noi).

Quali sono a tuo avviso i tratti fondamentali da tenere in considerazione del Boston Terrier? (ad es. spazio, tempo da dedicare, cura, costo, frequenza dal veterinario)

Serena: è ancora troppo presto per dirlo, è con noi da solo un mese, ma per ora mangia, gioca e dorme!

Alessandra: da buoni molossi hanno costantemente bisogno del contatto con l’uomo, non si staccano praticamente mai nemmeno quando riposano, sono affettuosi con tutti anche con i bambini, è necessario dedicare loro tempo per farli muovere, e giocare perché sono molto vivaci e atletici. Hanno bisogno di poche cure, il loro mantello è incredibilmente auto-pulente, e perdono poco pelo.

Rino: Riassumendo i tratti distintivi del Boston terrier (sebbene ogni soggetto sia diverso dagli altri) posso affermare che è un cane dolce, affettuoso, socievole con umani ed animali, grande baciatore, vivace (ma che all’occorrenza sa essere tranquillo), versatile, amante dei giochi (soprattutto ossessionato dal riporto delle palline), testardo, intelligente, sensibile e molto educato e pulito (Aaron, dopo avere recepito le regole da cucciolo, non ha mai toccato nulla in casa, se non i suoi giochi ed ha imparato definitivamente a 4 mesi ad espletare i bisogni fisiologici fuori casa). Non ha bisogno di molto spazio e vive benissimo in appartamento, a condizione di dedicare il tempo dovuto al gioco ed alle passeggiate (almeno tre volte al giorno). Prendersi cura di un boston è molto semplice: una spazzolata regolare al pelo corto (anche solo con le mani), pulizia delle orecchie ogni tanto, riparo dal caldo e dal freddo, tante coccole e giochi con l’amata pallina. 

Aaron il bellissimo Boston Terrier di Rino Bruno. A quanto pare adora questa sedia...
Aaron il bellissimo Boston Terrier di Rino Bruno. A quanto pare adora questa sedia…

Perché innamorarsi di questa razza?

Serena: a me piace tutto, dalle dimensioni contenute che permettono di gestire meglio le uscite e gli spazi, al carattere vitale, energico e affettuoso.

Alessandra: è una razza che coniuga perfettamente la bellezza di avere un cane attivo, vitale, giocherellone, ma che può accompagnarti dovunque per le sue dimensioni e la sua socievolezza.

Simona: perché innamorarsi? Perché è impossibile non farlo! Perché i Boston Terrier ti riempiono la vita! Quando ti guardano sembra che vedano la Madonna, perché ascoltano e se vogliono ubbidiscono, perché sono dei testoni ma quando decidono di fare qualcosa la fanno benissimo, che sia un danno in casa o un percorso di agility. Per loro non ci sono mezze misure, adorano stare in nostra compagnia, sono dei buffoni! Il Boston Terrier, nonostante sia brachicefalo è instancabile, è sempre felice, impara velocemente, ti permette di fare attività sportive. Quando, come adesso, non le dedico attenzioni viene a lamentarsi, sono come le patatine! Uno ne tira un altro…potendo chiaramente! Perché bisogna possedere uno per avere altre risposte!

Rino: Perché è un cane di taglia contenuta (esistono tre taglie: piccola sotto i 6,8 kg; media da 6,8 kg a 9 kg; grande da 9 kg a non oltre gli 11,35 kg), dinamico, vivace, socievole, giocherellone ed entusiasta della vita.

Peggy il bouledogue francese di Rino Bruno. Anche lei adora quella sedia... Vizio di famiglia!
Peggy il bouledogue francese di Rino Bruno. Anche lei adora quella sedia… Vizio di famiglia!

Raccontaci la tua giornata tipo con il tuo Boston Terrier. Cosa di senti di consigliare a chi è indeciso tra un Boston Terrier e un Bouledogue Francese?

Serena: Per ora è ancora cucciolo, ma è sempre coi noi in ogni momento della giornata, ci segue e vuole starci accanto, sia giocando che riposando.

Serena: Mai avuto un Bouledogue Francese, ma posso dire perché ho deciso di scegliere un Boston Terrier. Rispetto al Bouledogue Francese il Boston Terrier ha i lineamenti meno marcati, è più atletico, le movenze sono decisamente più agili. Per quanto riguarda il carattere sembra essere più vitale. Insomma, il fatto che i Boston Terrier siano cani da agility, quindi energici e predisposti al moto, mi ha convinta.

Alessandra: la giornata tipo inizia con la loro passeggiata, li “scendo” almeno quattro volte al di, colazione insieme e gioco, ormai anche se in due, cercano ugualmente di coinvolgermi. Poi loro riposano, passano da una frenetica attività ludica alla quiete totale, ovviamente la giornata termina con la passeggiata notturna.

Prezzo: EUR 15,00

Poi sentiti libera di mettere info che possano aiutare a scegliere una o l’altra razza

Serena: In sostanza ho pensato che il Boston Terrier poteva essere sia un cane da salotto che da passeggiate e movimento, mentre (forse, non avendone esperienza) con il Bouledogue Francese avrei avuto più un cane da salotto. Ripeto che queste sono considerazioni che ho fatto leggendo esclusivamente i profili delle due razze e guardando video.

Alessandra: Io adoro entrambe le razze, addirittura esteticamente il Bouledogue mi sembra più simpatico, ma è più grosso e credo che abbia più facilmente delle problematiche di salute. Il Boston Terrier è perfetto per bellezza, misure, peso, carattere, socievolezza, affettuosità e salute.

Claudia: Io abito a Venezia, potrei avere acqua alta o necessità di prendere i cani in braccio. La Titina pesa sui 7 Kg. e Papo qualche etto in più. Hanno una forma tale da poter esser presi sotto le braccia tipo angurie! 🙂 I Frenchies pesano di più, i maschi fino ai 14 Kg le femmine attorno ai 10kg con tolleranza di mezzo kg. (ndr)

Daniela: ho avuto entrambi e la differenza è abissale! Il Boston Terrier è educato, preciso, elegante, attento e discreto. Il Bouledogue è testone, caparbio, immediato …pronti via! Si butta in ogni situazione (ci ricorda qualcosa! ndr)! Entrambi molto affettuosi, il Bouledogue Francese più possessivo e ossessivo con il suo capo branco. Comunque entrambi necessitano di molta attenzione, affetto, presenza e hanno bisogno di contatto fisico. Poi dipende sempre da cane a cane, io penso di esser stata molto fortunata con Duke che mi ha fatto conoscere il meglio della sua razza.

Rino: li ho entrambi e consiglio di prenderli tutti e due! 😉 Nel 2017 ho preso anche una Bouledogue francese fulva con maschera nera di nome Teresa (poi ribattezzata Peggy), ma questa è un’altra storia!

Splendidi esemplari di Boston Terrier (Aaron) e Bouledogue Francese (Peggy). Foto di Rino Bruno
Splendidi esemplari di Boston Terrier (Aaron) e Bouledogue Francese (Peggy). Foto di Rino Bruno

Altri argomenti che potrebbero interessarti



Boston Terrier o Bouledogue Francese?

Come scegliere un cucciolo di bouledogue francese ed evitare fregature

I migliori prodotti consigliati per la salute e benessere del tuo bouledogue francese

Se vuoi metterti in contatto con noi o raccontarci la tua storia scrivi a info@findthefrenchie.com oppure unisciti alla nostra pagina Facebook.

Find The Frenchie!