Victor Alexander van Raamsdonk ci ha lasciato il 15 dicembre 2019 a 71 anni. Nel 1968, insieme alla moglie Riki, diede vita all’Allevamento De La Parure che, sotto la sua supervisione, sarebbe diventato uno degli allevamenti più prestigiosi del Bouledogue Francese.

Victor Raamsdonk De La Parure BIS 1978
Victor Raamsdonk De La Parure con Voila Coco Von Ratibor und Corvey – Primo Bouledogue Francese a vincere il Best in Show nel 1978 – Olanda

Victor Alexander van Raamsdonk lavorava al Ministero di Giustizia ma la passione per la cinofilia lo portò a diventare, oltre che allevatore, anche Giudice qualificandosi per 76 varietà di razza. Nel 2007 si ritirò completamente dall’Allevamento De La Parure ma non smise mai di divulgare la sua grande passione e di dispensare consigli sulla razza del Bouledogue. È stato Presidente del Boston Terrier Club e French Bulldog in Olanda e FCI Group 2A Molossers. Una vita straordinaria, costellata da successi internazionali.

Allevamento De La Parure

Victor Alexander van Raamsdonk ha segnato profondamente l’evoluzione del Bouledogue Francese. Il suo lavoro di selezione e di allevamento ha fatto la storia della razza. Negli anni ’70 l’allevamento tedesco “Prince Alexander von Ratibor und Corby” era in assoluto il top. Da questo allevamento Victor acquistò “Voila Coco Von Ratibor und Corvey” che nel 1978 vinse (e fu la prima volta per il Bouledogue, ndr) il Best in Show all’Esposizione Internazionale FCI in Olanda. I Ratibor erano esemplari massicci, possenti ed al contempo eleganti. Oltre al “Ratibor und Corvey” c’era un altro allevamento tedesco importante: il “Von Der Grimmelsburg” di Dr. Georg e Barbara Grimmelsburg, allevatori, giudici e veterinari. I Bouledogue Von Der Grimmelsburg erano esemplari forti e sani. L’incontro di Victor con Georg e Barbara si trasformò in una splendida amicizia ed in uno scambio/confronto di sapere sulla razza e sulla sua evoluzione. Dalla cooperazione con questi due allevamenti tedeschi si affermò una nuova linea di sangue che portò l’Allevamento De La Parure ad essere il punto di riferimento della razza del Bouledogue.

Trusardi Omar Sarif Innovations Prince De La Parure

Riconoscimenti e Premi

Gli esemplari De La Parure si sono distinti per bellezza nel rispetto dello standard. Possiamo trovare Campioni dell’Allevamento De La Parure in almeno 67 paesi! Nei pedigree dei più autorevoli allevamenti del mondo c’è il nome De La Parure. 26 Bouledogue De La Parure sono diventati Campioni del Mondo e ben 3 si sono aggiudicati il titolo di Campione al CRUFTS Birmingham (UK) e 3 BIS FCI Shows. Inoltre, i due leggendari Campioni del Mondo “Omar Sharif de la Parure” e suo figlio “Colonel Trusardi de la Parure” sono stati Ambassadors della razza olandese nel Mondo. Il rispetto internazionale per l’Allevamento De La Parure è stato davvero molto rilevante tanto che il “testone” di Colonel Trusardi del La Parure è stato utilizzato come logo sia per il Centenario del French Bulldog of America (1996) che per il Centenario del French Bulldog Club of Holland (2007). Tanti altri sono stati i riconoscimenti internazionali che metterli in fila risulterebbe una sfilza di nomi e date… Preferiamo concludere questo omaggio a Victor Alexander van Raamsdonk proponendovi una sua lunga intervista data a The Frenchie Fancy Magazine nel marzo 2013.

Buona lettura!

Find the Frenchie

Le immagini e l’intervista sono tratte da The Frenchie Fancy – Issue 3 – OCTOBER 2013

Allevamento De La Paure French Bulldog - Victor Raamsdock

De La Parure French Bulldog Victor Van Raamsdonk

De La Parure French Bulldog Victor Van Raamsdonk

De La Parure French Bulldog Victor Van Raamsdonk

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Pedigree Bouledogue Francese. La nostra Guida!

Bouledogue Francese: maschio o femmina? Leggi subito il confronto

Recinto per cani da interno. La nostra esperienza e i nostri consigli. Leggi ora!

Cosa serve davvero al tuo cucciolo? Scopri ora la Guida!

Se vuoi sapere le ultime novità sul Bouledogue Francese e non perderti i nostri articoli iscriviti subito alla nostra newsletter. È gratuita!

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!